Lyxor UCITS India C Eur

LYXOR UCITS INDIA C Eur (ETF) – Analisi 29 Luglio 2022

LYXOR UCITS INDIA C Eur (ETF)

I problemi principali del nostro Paese sono: l’obsolescenza delle infrastrutture, una classe politica scadente ed allergica alle riforme, un’analfabetismo funzionale incline al complottismo e scettica sulla scienza, una popolazione di età media elevata, un deficit energetico totale ed agroalimentare parziale, un debito pubblico elevato.

L’India, invece, si muove in un trend che è l’esatto opposto: una classe politica molto efficiente in continua produzione di riforme strutturali, una popolazione molto giovane con alto tasso di istruzione, un debito pubblico basso, un’ottima autonomia energetica ed agroalimentare, uno Stato democratico (a differenza della Cina), ed un’alta resilienza alla crisi Covid con diffusione vaccinale a tappeto anche nelle zone più depresse del Paese.

Questo fa dell’India il Paese, in questo momento, sotto i riflettori per una crescita esponenziale nei prossimi anni e che nell’arco di 5 anni incalzerà lo strapotere cinese in Asia.

Questo ETF quotato alla Borsa di Milano, Lyxor UCITS India C Eur ( Ticker INDI) dal minimo di Marzo 2020 al massimo del 25 Aprile ha performato del 140%.

La scadenza del ciclo biennale, ha prodotto un minimo crescente sulla 1×1, che rilancerà la quotazione verso l’alto, in più si ha il vantaggio di poterlo acquistare in Euro, che in questo momento è ad un prezzo molto basso.

Questa analisi ha il solo ed esclusivo scopo didattico e formativo pertanto non deve essere intesa in alcun modo come consiglio operativo di investimento, ne come sollecitazione al pubblico risparmio. L'attività di trading comporta notevoli rischi economici e chiunque la svolga lo fa sotto la propria ed esclusiva responsabilità, pertanto l'autore di questa analisi non si assume nessuna responsabilità circa eventuali danni diretti o indiretti relativamente a decisioni di investimento prese dal lettore.